Nella sua seduta del 6 settembre 2017 il Consiglio federale ha avviato la procedura di consultazione concernente il Progetto fiscale 17 (PF17). Il progetto contribuisce in maniera determinante a conservare l’attrattiva della piazza economica svizzera e conseguentemente a creare valore, posti di lavoro e gettito fiscale. La riforma rispetta inoltre gli standard internazionali per quanto riguarda il diritto in materia di imposizione delle imprese.

Dopo circa sei mesi dalla bocciatura della Riforma III dell’imposizione delle imprese il Consiglio federale presenta una nuova proposta di progetto. Le consultazioni ad ampio raggio in seguito alla votazione popolare hanno confermato la necessità e l’urgenza di una riforma. L’attuale imposizione delle imprese non soddisfa più i requisiti internazionali, una situazione che si ripercuote sempre più negativamente sulla piazza economica svizzera. Il nuovo progetto contiene importanti adeguamenti e tiene conto del risultato della votazione. Il bilancio della Confederazione deve essere gravato in misura minore, mentre gli interessi delle città e dei Comuni considerati maggiormente. Le aziende continuano a beneficiare della competitività del quadro normativo fiscale. Pertanto sia gli imprenditori quanto le imprese devono contribuire a controfinanziare la riforma: i primi con maggiori imposte sui dividendi e le seconde con assegni familiari più elevati.

Misure fiscali

Il PF17 contiene diverse misure fiscali per preservare la competitività della Svizzera. Tutti i Cantoni introdurranno un patent box. I Cantoni potranno inoltre concedere, se necessario, ulteriori deduzioni fiscali per le attività di ricerca e sviluppo. A questi due strumenti centrali si aggiungono altre misure fiscali, elencate nelle tabelle alla fine del presente comunicato stampa.

Riperscussioni finanziarie

Il progetto inciderà sul bilancio della Confederazione nella misura di circa 750 milioni di franchi a cui si aggiunge dal 2024 il contributo complementare ai Cantoni finanziariamente deboli limitato nel tempo pari a 180 milioni di franchi, finanziato con la compensazione dei casi di rigore, i cui versamenti sono annualmente ridotti sino alla scadenza di tale strumento.
Il PF17 è un progetto d’impronta federalistica. I Cantoni godono di un margine di manovra attuativo, che consente di compensare una parte delle minori entrate attese a livello cantonale e permette loro di individuare la strategia più adatta alle proprie esigenze. A tale scopo il PF17 fa confluire nelle casse cantonali maggiori entrate dell’ordine di 1,2 miliardi di franchi, stando alle attuali stime. Di questi, 825 milioni provengono dall’aumento della quota dei Cantoni all’imposta federale diretta. Le ripercussioni finanziarie per i Cantoni e i Comuni dipenderanno dalle decisioni di politica fiscale adottate dai Cantoni. Contestualmente al progetto della Confederazione, i Cantoni porteranno avanti i loro progetti di attuazione e illustreranno le relative ripercussioni.

Ulteriori lavori

Con la legge vengono poste in consultazione anche l’ordinanza sull’imposizione ad aliquota ridotta degli utili da brevetti e diritti analoghi (precisazione del patent box) e l’ordinanza concernente la perequazione finanziaria e la compensazione degli oneri (concretizzazione della perequazione delle risorse).
La consultazione durerà tre mesi e terminerà il 6 dicembre 2017. Il Dipartimento federale delle finanze intende consegnare al Consiglio federale il messaggio da presentare all’attenzione del Parlamento nella primavera del 2018. Il progetto potrà di conseguenza entrare in vigore al più presto nel 2020.

Per ulteriori informazioni:


Roland Meier, Dipartimento federale delle finanze DFF
Portavoce DFF
Tel. +41 58 462 60 86
Roland.meier@efd.admin.ch

Misure centrali del Progetto fiscale 17

Misura

Obbligo di attuazione della ConfederazioneObbligo di attuazione dei Cantoni / Comune
Abrogazione delle regolamentazioni per le società con statuto speciale cantonale
A livello cantonale le società con statuto speciale non versano imposte sugli utili o le versano solo in misura ridotta. Il PF17 abroga questa imposizione privilegiata. Grazie alla soluzione dell’aliquota speciale limitata nel tempo è possibile evitare sopra-imposizioni.NoSi,
obbligatorio
Patent box
L’utile da brevetti e diritti analoghi viene separato dagli altri utili e assoggettato a un’imposizione ridotta. La riduzione può ammontare ad al massimo il 90 per cento. L’impostazione di questa misura si fonda sui vigenti standard internazionali.NoSi,
obbligatorio
Ulteriori deduzioni per le attività di ricerca e sviluppo
I Cantoni possono permettere un’ulteriore deduzione delle spese di ricerca e sviluppo in ragione del 50 per cento al massimo. La misura riguarda le attività di ricerca e sviluppo svolte in Svizzera. La deduzione superiore si applica alle spese per il personale, alle quali si aggiunge un supplemento forfetario per altre spese di ricerca e sviluppo.NoSi, a titolo volontario
Limitazione dello sgravio fiscale
La riduzione fiscale concessa dal patent box e dalle ulteriori deduzioni per le attività di ricerca e sviluppo non può eccedere il 70 per cento dell’utile imponibile. Nel calcolo sono inclusi anche gli ammortamenti risalenti a una precedente imposizione quale società con statuto speciale.NoSi,
obbligatorio
Aumento dell’imposizione dei dividendi
L’imposizione dei dividendi per le persone fisiche viene aumentata al 70 per cento a livello di Confederazione e Cantoni. Ai Cantoni viene lasciata la possibilità di prevedere un aumento maggiore.SiSi,
obbligatorio
Aumento della quota dei Cantoni all’imposta federale diretta
La quota dei Cantoni viene aumentata dal 17 al 20,5 per cento.
Considerazione delle città e dei Comuni
I Cantoni devono tenere adeguatamente in considerazione le città e i Comuni per quanto riguarda l’aumento della quota cantonale all’imposta federale diretta.
Aumento delle prescrizioni minime della Confederazione per gli assegni familiari
Il PF17 prevede un aumento di 30 franchi delle prescrizioni minime per gli assegni familiari.
Adeguamenti in ambito di imposta sul capitale
Nel computo dell’imposta sul capitale i Cantoni possono prevedere una riduzione dell’imposta per il capitale proprio legato a partecipazioni come pure a brevetti e diritti analoghi.NoSi, a titolo volontario
Dichiarazione di riserve occulte
Le imprese che trasferiscono la loro sede in Svizzera beneficiano di ammortamenti supplementari nei primi anni dopo il trasferimento. In caso di trasferimento all’estero si applica, come finora, un’imposizione in uscita.SiSi,
obbligatorio
Adeguamenti relativi alla trasposizione
Con questa misura viene colmata una lacuna fiscale, ovvero si limita il campo di applicazione degli utili da capitale esenti da imposta e quindi indirettamente anche le ripercussioni del principio degli apporti di capitaleSiSi,
obbligatorio
Estensione del computo globale d’imposta
Grazie al computo globale d’imposta è possibile evitare i casi di doppia imposizione. D’ora in poi anche gli stabilimenti d’impresa di aziende estere in Svizzera avranno diritto di beneficiarneSiSi,
obbligatorio
Adeguamenti della perequazione finanziaria
Al fine di impedire squilibri tra i Cantoni, la perequazione finanziaria viene adeguata alle nuove realtà di politica fiscale.